Recensioni libro "Che cosa mi vuoi dire?"

“Quando portiamo un animale all’interno della nostra vita, lo portiamo dentro il nostro giardino interiore”. Stefano Cattinelli

 

Una rivoluzione culturale nel modo di intendere il benessere animale e il nostro rapporto con gli amici più fedeli. Non siamo più due mondi distinti e paralleli ma un unico mondo che interagisce attraverso un linguaggio comune. Quello delle emozioni.

Che cosa mi vuoi dire? di Stefano Cattinelli è un altro fiore all’occhiello della collana “Qua la zampa” di Macro Edizioni.

L’autore, esperto in veterinaria sistemico familiare, ci aiuta a comprendere il legame tra le nostre emozioni e quelle dei nostri amici pelosi. E lo fa nel modo più convincente. Aprendoci virtualmente le porte del suo ambulatorio per lasciarci ascoltare le esperienze più significative.

I racconti delle persone. Frammenti di vita in cui l’animale non è solo uno spettatore ma uno dei protagonisti. “Far parlare la persona. Chi meglio della persona che vive con l’animale può sapere chi è l’animale?”. Secondo il più importante principio della dottrina omeopatica: la legge di similitudine, non tanto tra il rimedio e l’animale quanto, piuttosto, tra la persona e il suo animale.

Ogni storia racchiude tante realtà. Mettendola in scena quello che sembrava incomprensibile diviene evidente.

 

Gli animali non capiscono il significato delle parole ma ne “afferrano” il senso perchè sono in grado di fare “associazioni” e di percepire la loro forza emozionale. Così l’onda animale arriva fino alla parte emozionale di noi. Si muove dentro la nostra vita e nei nostri sogni, quando l’emisfero analitico e razionale del nostro cervello si spegne. E’ in quel momento che avviene il miracolo. L’animale ci aiuta a ricomporre i pezzi della nostra vita perchè partecipa a tutto quello che accade, essendo oggi un membro della famiglia a tutti gli effetti.

L’emozione è un linguaggio universale direttamente connesso con l’azione, passa da un essere a un altro.

 

Gli animali sono esseri plasmabili, si adattano immediatamente alle situazioni ed empatici perchè si attivano alla percezione di emozioni altrui. Insomma, risuonano di quello che viviamo noi, secondo le leggi della fisica quantistica.

Stefano Cattinelli è un veterinario speciale perchè quando visita un animale lo lascia libero di muoversi in ambulatorio. Ascolta il racconto della persona senza fretta così da cogliere tutte le sfumature del comportamento del suo compagno a quattro zampe. Noi parliamo di lui ma in realtà descriviamo noi stessi.

Rocky con la sua magrezza racconta la storia di Barbara. Fritz, con il suo lento incedere, è la rappresentazione fisica del modo di essere di Giovanni. Il mondo di Laura è diverso ora che c’è Milù…

Il libro è impreziosito dai disegni di Paola Mazzetti, artista poliedrica di eccezionale bravura che con pochi tratti riesce a sintetizzare l’emozione racchiusa in ogni storia.

 

E’ difficile chiudere le pagine di questo libro. Ognuno ritrova qualcosa di sé che pensava di avere perduto o a cui aveva prestato poca attenzione o qualcuno troverà la via per fare i conti con se stesso. Ma nessuno rimarrà indifferente.

Di Stefania Cadario  Il cane con la valigia

22 dicembre 2017

Giovanni è troppo preso dietro mille cose, la sua vita va veloce e non si è accorto che il suo cane a fatica resta in piedi. Fitz è un cagnone di 40 kg e le sue zampe posteriori non sono più in grado di reggerlo.

Laura è una ragazza di trent’anni e il momento più bello della sua giornata è quando rientra in casa, lascia cadere le borse e si stende a terra per coccolare Milù la sua gattina tricolore.

Puffy è sempre stato un micio vivace ma da quando la coinquilina della sua padrona ha deciso di trasferirsi in un’altra casa con il suo fidanzato ha smesso di mangiare. Solo dopo che le due amiche sono riuscite ad esternare il dispiacere per quella separazione è tornato ad essere quello di prima.

E ancora Ugo, un bellissimo Golden Retriver e Angela, Roky un meticcio magro come Barbara la ragazza che lo accudiva, Anna e il suo gatto Mosè e tanti altri protagonisti umani e non animano le pagine di questo libro appassionato e appassionante.

Il dottor Stefano Cattinelli Medico Veterinario esperto di omeopatia e Fiori di Bach ci racconta alcune delle tante belle esperienze che nella sua pratica quotidiana di medico ha vissuto, intrecciandole a vicende personali di vita, riflessioni e scelte che lo hanno accompagnato nel suo percorso di crescita personale, professionale e spirituale.

Cattinelli ci spiega con semplicità e immediatezza in che modo la nostra relazione con gli animali con cui abbiamo deciso di condividere la vita ci arricchisce e ci aiuta a crescere e come questa relazione sia tutt’altro che casuale e univoca.

L’autore è convinto che riuscendo a comprendere il linguaggio nascosto delle emozioni degli animali avremo la possibilità non solo di amarli, ma anche di imparare a conoscerci meglio e amare di più anche noi stessi in un percorso comune fatto di emozione e rispetto.

Questo libro fa parte della collana Qua la zampa di Macro edizioni e come recita il sottotitolo ci aiuta a scoprire “il linguaggio delle emozioni che i tuoi amici a 4 zampe usano a relazionarsi con te” ma leggendolo si scopre che troveremo tra le pagine molto di più.

Spunti di riflessioni, note sui fiori di Bach citazioni e rimandi ad altri autori la cui esperienza apre senza dubbio nuove prospettive di conoscenza non solo degli animali ma anche di noi stessi.


 

www.dasapere.it

29 giugno 2016