I fiori di Bach

 

Il mio intervento in questo ampio manuale sui fiori di Bach dell'Accademia Centaurea si intitola:

 

" Il fenicottero rosa: appunti di viaggio di un guaritore di animali " ovvero " Come gli animali ci aiutano a guarire".

 

Questo capitolo, definito dall'editore un " vero e proprio piccolo libro nel libro", è diviso in due parti.

Nella prima parte narro delle difficoltà che ho incontrato durante il viaggio che ho fatto, dentro e fuori di me, per "riscoprire" il regno animale nella sua completezza e complessità. Nella seconda parte racconto alcuni eipsodi di quotidiana vita ambulatoriale, dove si intrecciano i rimedi vegetali e quelli animali.

Nell'approfondire l'esperienza che il regno animale svolge su questo pianeta, ho capito che esistono dei precisi passi di percezione, degli scalini percettivi, che la persona che convive con l'animale può sviluppare per " integrare" l'essenza animale nella sua vita.

Passi ben definiti, scalini di un naturale divenire umano dove l'animale assume il ruolo di accompagnatore, catalizzatore e fruitore della nuova coscienza che si dischiude all' Uomo in cammino.

L'anima animale, quell'essenza divina presente all'interno di ogni corpo fisico animale, risuona nella nostra interiorità come il più bel regalo che l'Universo ci abbia donato in questo ultimo millennio.

Con la dolcezza e la gratitudine insita nel suo mondo, possiamo anche noi accedere a tale dimensione per scoprire, poco a poco, come l'anima animale si muova dentro e fuori di di noi e quale messaggio di guarigione nasconda nella sua dimensione più intima. 

 

   Spero che la lettura di questo mio breve intervento possa contribuire a far maturare nel lettore la necessità di sviluppare un diverso atteggiamento nei confronti del regno animale e che tale cambiamento possa essere foriero di guarigione.

Per tutti e due: uomo e animale.